Alutecnos Home

I Piu' Visti

Alutecnos Home

Surf: A feeder dalla spiaggia

Trabucco Fishing / Articoli e prodotti per la pesca sportiva e agonistica

di Dario Limone

Il feeder rappresenta una nuova frontiera della pesca dalla spiaggia.

Una tecnica che è nata nelle acque interne ed esportata in mare con potenzialità che appaiono sin da subito importanti.

La pasturazione nel preciso punto in cui lavorano l’amo e l’esca, è un qualcosa di micidiale per ingannare i pinnuti, e questo, in abbinamento a terminali sottili, esalta la pescata.

Due diverse tipologie di feeder

Mare piatto o poco mosso… quando praticare il surf casting è una mezza eresia, ecco che il feeder apre nuovi scenari.

Condizioni “morbide” con mare calmo e acqua limpida, sono una dannazione per i surfcaster, ma malgrado uno scenario così complicato è possibile, alleggerendo il complesso pescante, riuscire a cavare anche, in questa occasione, delle belle prede.

La stagione della sfida è aperta!

 

Ultraleggero

 

Americano e pasturazione a base di sfarinati di sarda. Ottimo per orate e grosse mormore

Pescare con calamenti sottili dalla spiaggia è l’obiettivo di tutti i pescatori.

A volte utilizziamo delle attrezzature che, per loro tipologia, mal si adattano a lanciare terminali dello 0,14, magari anche flotterati.

L’ultraleggero negli ultimi anni ha fatto passi da gigante.

Oggi sono a disposizione canne ad innesti di circa 4 mt con range di potenza fino agli 80 gr. e con tre cimini in dotazione e mulinelli di tg 4000, che sono dei veri argani.

Attrezzature nel dettaglio

Postazione light da feeder in uno scenario di mare calmo

Le canne da feeder sono ad innesti ed in genere sono due pezzi con 2/3 vettini interscambiabili.

Sono attrezzi leggerissimi, ma sono comunque canne di carattere.

Nel manico c’è una discreta riserva di potenza.

L’azione di lancio è parabolica e con un attrezzatura ben bilanciata, si possono fare distanze, che superano gli 80 mt.

La lettura del mare, attraverso la sensibilità dei cimini, è perfetta.

Il mercato ha messo a disposizione una serie di mulinelli tg 4000/5000, che sono tecnologicamente perfetti.

Non sono pesanti, sono resistenti, e soprattutto potenti.

Questa tipologia d’attrezzatura ci consente di usare fili, per caricare i mulinelli, molto sottili, guadagnando metri nel lancio.

Se mai dovessimo usare uno shock leader, uno 0,25/0,30, andrà bene per tutte le situazioni.

Imbobinare con uno 0,16/0,18 sarà la normalità .

Naturalmente fili sottili sì, ma ami microscopici no, perché in ogni caso dovremo fare selezione di prede, non mattanza di minutaglia!

Pasturazione ed esche

 

Molti associano la pesca col feeder al bigattino, ma non è sempre così.

Tutti sappiamo, che per creare una situazione di pesca favorevole, dobbiamo pasturare.

Esistono in commercio degli sfarinati a vari gusti, che coprono tutte le esigenze.

Caricati i pasturatori, in genere con sfarinati al formaggio o alle sarde o misti, si aspetta, che la scia odorosa richiami i pesci.

Una volta, che i pinnuti sono nella scia della pastura, troveranno le nostre esche, costituite per la maggior parte da anellidi : arenicola, americano, coreano, bibi.

E’ valido usare anche un cannolicchio o un filetto di sardina.

Pesce!

 

Una bella orata catturata su una spiaggia profonda

In caso di allamata di preda importante, non dovremo avere fretta di recupere.

La funzione di leva della canna sarà relativa, ma ne sfrutteremo la sua elasticità parabolica e la frizione del mulinello.

Percepiremo ogni movimento del pesce e la nostra azione sarà tutta da godere, specie se qualche oratona oltre i 2kg… non avrà resistito ai nostri inganni!

Pescaplanet NEgozio di Pesca Online
Evo Fishing Accessori per la pesca di Alta Qualità
Back to top