Tataki: come legare i pesciolini e che dimensioni scegliere

Tataki : come legare i pesciolini e che dimensioni scegliere

Nel confezionamento della lenza per la pesca a tataki è meglio connettere i pesciolini con un piccolo moschettone o il movimento risulta migliore adoperando il dropper loop? E quando è consigliabile usare i pesciolini piccoli e quando quelli più grandi? Ha un senso comporre la lenza con misure miste?

Dalle innumerevoli ore di pesca impiegate in questa tecnica, abbiamo accertato che montare misure diverse, sulla stessa lenza, partendo con i grandi dal fondo e i più piccoli a salire è la soluzione migliore e più catturante. Cosa importante è anche quella di alternare forme e colori diversi. Per ciò che riguarda la connessione dei pesciolini, è un nostro personalissimo punto di vista quello che i moschettoni ne penalizzino un po’ il movimento, ma la possibilità di cambiare facilmente tipo e colore dell’artificiale è un vantaggio da non trascurare, e questo ci consentirà di capire cosa funziona meglio in quel particolare momento. Oltre a montare il moschettone con un’asola di 3 cm., il consiglio è quello di legarne quattro per terminale; così, con due canne in pesca, si avrà la possibilità di mettere in acqua una gamma colori molto ampia e capire quali siano quelli più apprezzati. Sarà bene differenziare anche la sezione del filo a seconda della stagione, usando fili più sottili nei mesi estivi e un po’ meno in inverno, meglio se in fluorcarbon. Inoltre, in piena estate, è meglio usare pesciolini tra i 3,5 e i 5 cm ed in inverno tra i 5 ed i 9.

Michele Prezioso