Alutecnos Home

I Piu' Visti

Alutecnos Home

Traina con il vivo: Big ricciole, pesci difficili ..

Trabucco Fishing / Articoli e prodotti per la pesca sportiva e agonistica

 

di Michele Prezioso

Arrivare alla cattura di una grande ricciola, non è sempre un fatto scontato.

Sono animali navigati che hanno schivato mille insidie e hanno fatto della scaltrezza la loro arma di sopravvivenza.

Averne ragione significa spesso riuscire a cogliere “segnali” invisibili che lo scenario di pesca ci propone.

Solo l’esperienza, un occhio attento e soprattutto il senso del pesce o, come spesso si dice, la capacità di pensare come un pesce, può portarci a catturare con frequenza.

La presenza occulta dei grandi predoni a volte è percepibile solo con l’attenta osservazione anche dei particolari all’apparenza più insignificanti.

Ad esempio una banale anomalia sullo stato delle esche vive, può farci capire e indurci a cambiare strategia di pesca, concretizzando lo strike.

 

A volte le grandi ricciole non degnano le esche, le seguono , le smusano, ma non le aggrediscono: lo stress per loro può essere fatale

 

L’inizio della storia

La vasca del vivo è piena all’inverosimile, lo spot è uno di quelli certificati, ma passaggio dopo passaggio non accade nulla.

Probabilmente i pesci non ci sono… allora meglio cambiare aria… anzi, acqua.

Si recuperano rapidamente le esche e si nota che queste sembrano stremate, quasi morte.

Un dubbio ci assale: e se avessero visto il predone ma il predone non ha visto loro o per qualche motivo le ha solo seguite a lungo senza attaccarle?

Una seppia o un calamaro che percepiscono una grande ricciola, iniziano ad agitarsi, a mettere in pratica azioni mimetiche mettendo in frenesia i cromatofori, a contrarre i muscoli nel tentativo di dissuadere l’attacco, con evoluzioni convulse che li portano allo sfinimento.

Anche i pesci esca non sono da meno e la sola presenza di un predatore in zona li rende iper-agitati, con un dispendio di energie enormi.

Questo però ci fa capire che la sotto, qualcuno c’è…

Finalmente la ricciola ha aggredito l’esca: ora ha inizio un gioco di forza ed astuzia, in cui il vincitore non è mai certo

 

Variazione di assetto

Bisogna modificare qualcosa, allora.

Si deve cambiare l’approccio allo spot, perché il sistema classico non ha funzionato; non siamo riusciti a convincere la ricciola o ad essere sufficientemente incisivi nel passaggio.

Pescare show

Non avrà visto l’esca?

O più semplicemente qualcosa l’ha insospettita …

 Aumenteremo la zavorra, e studieremo una passata facendosi portare dallo scarroccio nel più totale silenzio, perché anche i rumori di bordo, oltre a quelli del motore, si propagano e possono essere associati all’inganno.

 Siamo sul punto caldo, quando una trattenuta decisa che pare un incaglio piega la canna.

I secondi sembrano interminabili e la canna continua ad inarcarsi, il mulinello inizia a cedere filo lentamente come se “la bestia” non si fosse accorta di nulla.

Altri lunghissimi istanti e poi la fuga…!

E’ pesce !  E’ certamente lei, la regina! .

 Un pesce che quando è in stasi può decidere di “non vedere”, o meglio di ignorare un succulento boccone, fin quando questo non gli passa nel verso giusto.

Nulla a che vedere con quelle situazioni in cui caccia come un sommergibile d’assalto, nulla a che vedere con quei casi in cui questo carangide pattuglia il fondo e“spazzola” ogni cosa che si muova.

Ma la pesca, e quella alle ricciole soprattutto,  è anche questo.

Inventiva, improvvisazione e un pizzico di esperienza, applicate per avere ragione di un pesce tra i più complessi da capire e forse tra i più intelligenti

Un’emozione unica

Non avrà la potenza di un tonno, ma la forza e la strategia di difesa di una ricciola non hanno uguali.

 Specialmente quando si incontrano i grandi esemplari solitari che spesso cacciano sulle secche a largo, inseguendo i banchi di palamite.

 

Ecco  chiari  i segni di un aggressione da parte di una grande ricciola ad una palamita, del peso di circa 2kg abbondanti

Il combattimento dovrà essere meticoloso, i recuperi lenti ma energici, le pompate giuste ma fluide, lo spostamento della barca dovrà seguire e anticipare le sue mosse, per riuscire a girarle la testa non permettendogli di puntare con la facilità le rocce del fondo.

 

Una buona riossigenazione e poi via, di nuovo, verso la libertà ..

La grossa ricciola è un pesce che ha esperienza, e può regalarci emozioni intensissime, che diventano ancora più forti ed indelebili nei nostri ricordi se, con un rilascio, le concederemo l’onore delle armi.

Pescaplanet NEgozio di Pesca Online
Evo Fishing Accessori per la pesca di Alta Qualità
Back to top