Alutecnos Home

I Piu' Visti

Alutecnos Home

Scuola di pesca: traina con il polpo morto

di Domenico Craveli e Umberto Simonelli

Nella traina l’utilizzo di esche naturali morte, può rappresentare più che una semplice alternativa al vivo.

I più utilizzati in assoluto sono i cefalopodi, seppie in testa, ma anche i polpi possono fare la loro gran bella ed influente figura.

Anzi possono rappresentare molto di più che una soluzione alternativa, ma una precisa strategia di traina per catture molto mirate

Sia chiaro però che  la sua efficacia sarà direttamente proporzionale ad una corretta conservazione, oltre che ad un innesco adeguato.

Il polpo ci servirà come esca selettiva mirata alle cernie ed ai dentici. 

Questo tipo di “proposta” agli occhi delle cernie si lascia preferire al vivo, in quanto il suo nuoto scomposto sembra attrarle irresistibilmente.

Una volta acquistati in pescheria, o meglio ancora per chi ne ha la possibilità direttamente dalle barche al rientro, dovranno essere riposti immediatamente in una borsa frigo al cui interno alloggeremo del ghiaccio o delle tavolette eutettiche, più conosciute come “siberini” o “ghiaccetti”.

Faremo in modo che la pelle non venga direttamente in contatto con le parti più fredde per evitare di danneggiare i colori naturali della livrea, avendo cura di non farlo ristagnare neanche nell’acqua che si genera.

Inutile dire che dovremo preferire gli esemplari in migliore stato di conservazione evitando tassativamente che venga incartato, come solitamente si usa.

Va da se che dovremo guadagnarci la pazienza del pescivendolo o meglio ancora la disponibilità di un professionista per reperire “alla fonte” la nostra esca.

Anche i dentici impazziscono per i polpi … e non solo …

 

Un’operazione delicata

L’innesco su un terminale da traina standard, prevede l’inserimento di un amo all’apice superiore del mantello dal basso verso l’alto, e l’altro all’altezza dell’attacco della testa tra occhi e tentacoli con la punta in giù, avendo l’accortezza di conficcarli in asse.

 

Il polpo morto fa letteralmente impazzire le cernie brune e tutte le sue cugine

L’esca andrà trainata a velocità intorno a 1.5 nodi, prestando attenzione nelle curve dove tenderà ad appoggiarsi sul fondo con rischio di incagli.

La maggior parte delle volte però, questo è anche il momento degli strike, che la dice lunga sull’abitudine dei predatori…

Pescaplanet NEgozio di Pesca Online
Evo Fishing Accessori per la pesca di Alta Qualità
Back to top